Le mie opinioni espresse cosi come mi vengo se vi va le leggete se no ... no.

My ideas and consideration(s) if care read them if not I don't care.

Dal Sole24 ore:

Berlusconi: «Media e opposizione stiano tranquilli, non mi dimetto. In settimana decreto per la crescita»

Leggi l'agghiacciante articolo su quel faccia di palta:

 

Gente questo e' peggio della tigna, di qualsiasi altro monopolista al mondo, la sua facca da c#lo e' incredibile.

 Aaaaa Grillo e' inutile tirarsi le seghe o fare domande retoriche (leggere articolo del Grillo)

 

Io, mi dispiace dirlo perche sono per la pace, un modo lo ho gia detto, sta gente va presa a schioppettate dal primo all'ultimo. Il Berlusca, la bande dei fantocci della padania, ANCHE TUTTA LA CRICCA A SINISTRA.

Sono fantocci, pupazzi manovrati da quei soggetti con i soldi veri (altro che quel quaquaraqua del Berlusconi) soldi che spostano e competono con i bilianci di STATI, gente (tanto per non fare il nome) come:

  • Roman Abramovich,
  • Lakshmi Mittal,
  • Ambani's brothers,
  • Bernard Arnault

Tanto per citare alcuni di quelli che pur non apparendo in prima posizione nelle classifiche famose, sono in realta' quelli che COMANDANO, tra acciaio cibo e varie.

Nella lista mancano esponenti cinesi, non perche non ne abbia i nomi ma perche' come sapete o dovreste sapere, parte del'italia, o dovrei dire Europa e' gia in mani Cinesi, comprata attraverso il riscatto del debito.

E' inutile pensare di andare al voto democratico e di cambiare le cose. Qualsiasi cosa si faccia verra' su un altro pupazzo.

SVEGLIA!!!! Tocca andare alla radice, vogliamo una Italia libera e con lapossibilita' di riprendersi?

BENE prima cosa riprendiamoci l'Italia, affanculo la comunita' europea che di fatto ci sta schiavizzando non rinforzando, MA NON PER COLPA dell'Europa come concetto, che anzi sarebbe cosa grandiosa. Ma perche' e' stata usata da quei soggetti per manipolare e spingere i governi, gli organi di controllo, ed il credito al punto in cui siamo.

Ci aspettano tempi duri lo sappiamo, ma che almeno lo siano per un motivo vero, che ci possa riportare a galla, e non per rendere piu ricchi i gia ricchi.

Riprendersi il paese e la dignita', togliersi il giogo da schiavi cha oramai ci incatena, questo e' il punto, basta a cortei e manifestazioni di piazza.

E' ora di passare ad fare i fatti, con tutte le loro conseguenze.

 

Buona ulcera a tutti....

{joscommentenable}

Fate schifo, vorrei parlare di cose belle come la passeggiata fatta oggi con tutta la mia famiglia, vorrei parlare di sole di speranza e gioia e del paese dal quale provengo e che amo profondamente, vorrei fare due risate scherzando su ciò che trovo assurdo vivendo in un paese lontano non solo geograficamente dall'Italia ma anche culturalmente.

Vorrei raccontare dei nostri piccoli progressi passo dopo passo nel cercare di integrarci in questo paese, vorrei raccontarvi di ciò che vedo e sento dagli italiani che vivono qui da anni e che vedono l'Italia oramai come qualcosa di lontano e fin troppo mitizzato.

Invece mi trovo con l'amaro in bocca al leggere giornali, siti Internet, ascoltare commenti alla radio di gente che continua a fare il proprio comodo sulla pelle di tutti noi, persone che fanno veramente schifo come Berlusconi, Tremonti, la lega in generale Pdl nell'insieme composto da merda fatta persone, un PD assente incapace di assumere un ruolo in quanto complice e sfruttatore nel medesimo modo di posizioni di favore di soldi altrui e dell'altrui prende. C'è poco da dire basta guardarsi intorno e leggere la stampa estera la stampa economica specializzata vedere gli andamenti degli indici, delle compravendite di titoli di debito, da parte di istituti esteri o di istituzioni pseudo europee come la Banca europea, per capire che il nostro paese ha perso completamente la sua battaglia.

Coloro i quali si trovano al momento al governo, coloro i quali sono all'opposizione non rappresentano piu una realtà sociale o il volere del popolo, di fatto il nostro paese non è piu una Repubblica.

il nostro presidente pur persona degnissima non è nella posizione di rappresentare ciò che dovrebbe ovvero un'Italia unita non solo fisicamente ma anche moralmente ed economicamente dal primo cittadino al più umile, sia negli sforzi che negli interessi.

Il nostro paese è diviso tra chi sfrutta e chi è sfruttato, gli interessi personali, interessi economici, sono oggi ciò che governa il nostro paese.

Nulla di buono sta venendo a noi dalla rimanere in queste condizioni in un contesto internazionale come quello europeo, anzi il suddetto contesto è scudo schermo e mezzo per coloro che si arricchiscono di arricchirsi ancora di più.

L'unica speranza per l'Italia al momento è una drastica inversione di rotta, eliminare una volta per tutte il cancro alla radice, il che vuole dire eliminare la classe dirigente non solo politica ma anche economica che si trova al momento alla dirigenza.

Banche, industrie, associazioni varie, ministeri eccetera devono essere ristrutturate e coloro che siedono al momento alla loro guida essere una volta per tutte eliminati.

Per quanto assurdo possa sembrare la speranza dell'Italia risiede nella capacità di recuperare una indipendenza e capacità di movimento persa al momento della formazione della comunità europea.

Paesi come gli Stati Uniti, la Gran Bretagna non possono che appoggiare una scelta drastica ma necessarie come questa, il vedere un'Europa più debole, per modo di dire, per entrambi i suddetti paesi sarebbe solo positivo, la continua espansione anche all'interno del territorio europeo delle economie francese e tedesca rappresentano una seria minaccia per la libertà dei paesi dell'unione e per economie come quella statunitense ed inglese.

Uscire dall'euro ora,ripudiare il debito pubblico, nazionalizzare la Banca d'Italia, nazionalizzare le banche commerciali indipendenti, porre come vincolo costituzionale il pareggio di bilancio.

Sono questi i primi passi che si dovrebbero realmente intraprendere, ma che non saranno mai dico mai intrapresi da quelli che sono al momento i nostri governanti, e non perché ci siano soluzioni alternative, ma solo perché questo impedirebbe loro di continuare ad arricchirsi, di accumulare piccolo podere, e di risultare assolutamente estranei alla distruzione del nostro paese.

Molto ci sarebbe da dire del perché e del come e del come l'Italia si trovi ad oggi in questa situazione, del come mai gran parte delle attività produttive legate all'alimentare siano ad oggi in mano francese, del come mai ciò che è legato al metallurgico sia in mani tedesche, che poi vuole dire russe.

Ma tutto questo è inutile, tutto ciò oggi è purtroppo storia, un dato di fatto. Noi non possiamo che prenderne atto e cercare di partire da questo dato acquisito, eliminare la classe dirigente, avere dall'il coraggio e la determinazione di andare avanti per la propria strada, staccando il nostro paese da un meccanismo perverso e distruttivo come la comunità europea, ad oggi governata anch'essa da interessi personali di poche famiglie di super ricchi che sfruttano in modo sistematico i vari popoli dei paesi nei quali svolgono le loro ahimè lecite attività.

A volte nella storia le cose si ripetono e bisogna stare attenti a ciò che non vadano a finire male nello stesso identico modo, quello che ci si prospetta davanti è un bivio che da una parte ci porta alla totale distruzione del nostro paese, dall'altra ad una presa di posizione netta al fine di evitare che una dittatura economica si stabilisca in modo permanente sull'Italia.

Non è neanche più da dire "svegliatevi", non servirebbe, quello bisogna dire oggi è "andatevene o sarete eliminati".

Bisogna tenere bene presente che alla comunità economica internazionale degli interessi del singolo interessa ben poco, un paese come l'Italia rappresenta un singolo nell'insieme economico globale, se l'Italia muore a nessuno può importare di meno in quell'ambito economico culturale; interesse che invece dovrebbe essere ben più alto per coloro i quali ci abitano e ci credano, attenzione quindi a non fare l'errore di credere che l'Italia non possa essere sacrificata, perché di fatto è quello che sta avvenendo.

Avendo la possibilità di vedere le cose da un'ottica leggermente più lontana risulta chiaro come il meccanismo interno di comunicazione sia teso a far sì che questo chiaro fatto non divenga di pubblico dominio all'interno del nostro paese, l'Italia sta per essere completamente smantellata nel suo insieme economico, sociale e culturale.

Come già detto l'unico modo per poter riuscire a recuperare un minimo il nostro paese e forse poi in futuro a raddrizzarlo, è quello di interventi drastici e significativi, un momento decisivo e definito di discontinuità.

E non c'è più tempo da perdere.

 

{joscommentenable}


Imagine no possesions
I wonder if you can
No need for greed or hunger
In a brotherhood of man
Imagine all the people
Sharing all the world...

 

The MySQL User Conference is going to start today UC 2011, I will not be there and that makes me sad, but have to deal with the work and some customer needs. I will not see many friends, I will not have the chance to discuss and propose my ideas. I will not be in the position to learn from discussion new things, but:

I want to wish to all of you my best for this conference, and  I want to mention my last crazy dream …

I was thinking about this for far too long, and then I decide to write… not a long article or a huge technical blog, but a call for all colleagues to stop and think.

I have being working in international environment from 24 years now, and most of them I spent in working for international organization or Open Source Companies.

 

What I have always consider a privileges I had, was to be “on the right side” of the market. I was more focus on people and what they do and what they need, then how much money they were willing to pay.

When I join the MySQL “ecosystem”/company I had the feeling to join a company that was doing profit, but that was also keeping a good attitude, with employees and customer as well.

 

I am not going to open a discussion on what happened after, no my scope here. What I want to let you focus on is this simple point: “MySQL  (and derivate) was and is a community product, based on the open source concept, based on the sharing and supporting each other concept”.

If the above is true, then what we should think of all those company using MySQL to make money and not providing any support to what they use for free?

 

There are out there a lot of companies that does nothing. Well actually they do something, a lot of money… saving sometime millions of $$$ using MySQL instead other products.

You can say that this is fine, and yes I agree it is, and it is good when they ask for support because will involve the community again.

 

But there is my problem, how we should behave with the companies that do nothing for the community, and in addition to that we discover to be also asshole companies? Very often happen that there are companies adopting MySQL not because they go for the OpenSouce model /philosophy, but only to save money.

In some extreme cases, they think open-source= free, they assume that any cent they spent in calling you to help, give them the right to behave as assholes with you.

 

It could be that it is only my problem, but I don’t like. I think that they should not be able to access the community resource without paying a penalty; Robert I. Sutton was proposing to (not exactly his words I am translating from Italian) “Send them away, not engage. If you cannot avoid them, then let them pay a fee … “.

 

The problem is how to define in a neutral/objective way who should be defined as such and who not.  Here again the community could help, define a ROSTER of asshole companies (RAC), voting on submitted names, define a rank and proposing for a % of additional cost.  It will up on us (company or singles) to accept or not to work with them, to apply the % in full or not.

 

It could be that this is just another crazy dream from my side?

Maybe I am an alien, thinking we can do things better, thinking that there is no need to be an asshole to be successful, and thinking that we should help the asshole to recognize themselves and change, and more than that thinking that we can do something.

 

So here is my simple proposal, let us change a little, not too much because I am tent to consider most of us on the right track already. Let us do a small effort all together  and let us try to figure out who are the bad guys, and … put them on a list. The outcome could be amazing…

 

“You may say i'm a dreamer
But i'm not the only one
I hope some day you'll join us
And the world will be as one

Latest conferences

PL2020
percona_tech_days_aug_2020

We have 33 guests and no members online

oracle_ace